Logo Pretzhof
Logo Responsive

Pietanze squisite e genuine preparate secondo natura nella nostra trattoria Ingredienti del proprio allevamento· Prodotti di propria agricoltura· Vini della nostra enoteca

Pretzhof – Una storia che dura da più di 300 anni

Nel 1979/80 il maso è stato ristrutturato e trasformato in ristorante mantenendo inalterata la struttura e l’aspetto esterno.
“Si deve infondere vita alla tradizione. Abbiamo rinnovato il nostro maso dandogli un carattere rustico ed elegante. Dal Pretzhof è dunque nata l’osteria “Pretzhof zur Bauernkost”. Già il nome lascia trasparire il significato di: sosta in un punto di ristoro ospitale, in un’atmosfera contadina e tradizionale per sentirsi bene dopo una faticosa passeggiata oppure semplicemente per conoscerci”: con queste parole sono stati invitati i primi ospiti al Pretzhof, nel gennaio 1981.

Nei primi anni ci si è limitati consapevolmente alla preparazione di piatti secondo le ricette della vecchia tradizione contadina di mamma Maria Mair, cosa molto apprezzata dagli ospiti.
Ulli Mair cucina al Pretzhof dal 1983. Lei con il suo team elabora con creatività e con gioia piatti della cucina contadina e casalinga.

Nell’anno 2002 il Pretzhof è stato ampliato e arricchito della “bottega” e contemporaneamente della cantina e degli ambienti per la presentazione dei prodotti del maso e per la stagionatura di formaggi e speck.

La menzione più antica della proprietà dal nome “Hochenhaus am Tulfer”, l’odierno Pretzhof, risale all’anno 1249 (5. volume del “Stiftsurbare” medievale del Vescovato di Bressanone, II. parte, Novacella)
Il primo antenato della famiglia oggi proprietaria, Hanns Mayr, comprò il maso nel 1695 da Christian Prez di Stilves, dal quale deve essere derivato l’odierno nome del maso. Oggi non sappiamo purtroppo cosa questo Christian Pretz avesse fatto di così significativo da dare il nome alla casa. Il nome “Pretz” infatti appare nei registri della parrocchia di Prati dal 1750. Il nome del maso “Prözen” si trova nel registro del tribunale di Vipiteno per la prima volta nell’anno 1792.